Prodotto

Semplificazione della gestione dei componenti in 4D

Tradotto automaticamente da Deepl

Nel contesto dello sviluppo 4D, la gestione dei componenti comporta in genere una notevole quantità di lavoro. Tuttavia, l’introduzione della funzione Component Manager nell’ambiente 4D rappresenta un progresso significativo nella gestione dei componenti.

Non più limitata alla collocazione dei componenti in una cartella Components designata, questa funzione si basa su due elementi chiave: dependencies.json e environment4d.json. Questi file offrono agli sviluppatori una migliore visibilità delle dipendenze delle applicazioni e la flessibilità di personalizzare i percorsi dei componenti.

Prodotto blank

Esplorare le possibilità degli spazi di codice di GitHub con 4D

Tradotto automaticamente da Deepl

GitHub offre potenti strumenti per gli sviluppatori. Uno di questi è Codepaces, che consente di sviluppare online il codice memorizzato in un repo GitHub da qualsiasi luogo, utilizzando un’istanza integrata di Visual Studio Code.

Questo è anche il caso dei progetti 4D!

Scopriamo questo potente strumento e scopriamo un nuovo modo di fare coding!

Prodotto blank

Deprecazione del livello di rete legacy

Tradotto automaticamente da Deepl

Per gestire la comunicazione tra 4D Client e 4D Server, 4D propone 3 diversi livelli di rete:

  • Legacy,
  • ServerNet,
  • e QUIC.

Il livello di rete Legacy è stato introdotto 30 anni fa in 4D v3. È stato originariamente sviluppato per AppleTalk, migliorato per ISDN, quindi aggiunto a IPX e infine a TCP/IP.

È stato creato per un uso Client/Server molto diverso da quello che 4D fa oggi: è a thread singolo, ottimizzato per reti lente senza crittografia e disponibile per molti protocolli di rete diversi. In quanto tale, non è affatto ottimizzato per le moderne comunicazioni di rete e supporta un numero molto limitato di funzionalità.

Per questo motivo, con 4D 20 R5, abbiamo deciso di rendere obsoleto il livello di rete Legacy e prevediamo di rimuoverlo presto. Vi invitiamo a passare subito a ServerNet se lo state ancora utilizzando. Lasciate che vi spieghi quali vantaggi otterrete dal passaggio.

Prodotto blank

4D Netkit: Autenticazione OAuth2.0 con un certificato

Tradotto automaticamente da Deepl

Diversi server OAuth 2.0, come Microsoft Identity Platform, offrono un’opzione di autenticazione che utilizza i certificati invece dei segreti del cliente. Questo approccio migliora i meccanismi di sicurezza e di autenticazione del protocollo. A partire dalla versione 4D 20 R5, Netkit incorpora la gestione delle connessioni basata sui certificati OAuth 2.0.

Prodotto blank

4D View Pro: Miglioramento delle funzioni personalizzate

Tradotto automaticamente da Deepl

A volte è necessario eseguire calcoli specializzati sul contenuto di una colonna o di una riga senza sapere quante celle saranno interessate.

Con 4D 20 R5, è ora possibile passare intervalli di celle multiple a una formula personalizzata all’interno del foglio di calcolo, ad esempio “A1:C10”, o a un oggetto come “OGGETTO(“Nome”,B2, “Cognome”,C2)”, e recuperare una raccolta o un oggetto contenente tutti i contenuti delle celle nel metodo 4D.

Prodotto blank

Dichiarazioni e assegnazioni di proprietà della classe su un’unica riga

Tradotto automaticamente da Deepl

In 4D 20 R5, la semplificazione della dichiarazione delle proprietà offre ora la possibilità di inizializzare le proprietà contemporaneamente alla loro dichiarazione, come l’assegnazione di una variabile.

Questo miglioramento semplifica la leggibilità e l’efficienza del codice, consentendo agli sviluppatori di dichiarare e inizializzare le proprietà in un’unica riga. Ciò facilita l’integrazione e riduce la necessità di blocchi di inizializzazione separati. Ottimizza i flussi di lavoro di sviluppo e garantisce la robustezza del codice tra compilatori e interpreti, promuovendo codebase più pulite e manutenibili.

Prodotto blank

4D NetKit: PKCE per OAuth 2.0

Tradotto automaticamente da Deepl

OAuth 2.0 è una pietra miliare dell’autenticazione moderna. Il PKCE è un miglioramento fondamentale che protegge OAuth 2.0 dagli attacchi di intercettazione e replay. Con l’introduzione di 4D 20 R5, ora offriamo un’integrazione perfetta di PKCE nei processi di autenticazione OAuth 2.0.

Prodotto blank

4D Write Pro. Nuove opzioni di sezione disponibili nell’interfaccia

Tradotto automaticamente da Deepl

Come sapete, 4D Write Pro gestisce due tipi di sezioni, continue o con interruzioni di pagina.

Che preferiate pagine distinte a destra da quelle a sinistra o che vogliate che la pagina iniziale si distingua dal resto, un tempo queste possibilità erano limitate alla programmazione o al menu contestuale. Tuttavia, c’è un cambiamento positivo all’orizzonte: l’interfaccia si sta evolvendo!